gabriellahalcsik

Gabriella Halcsik Halcsik itibaren Kalamazwite, Tanzanya itibaren Kalamazwite, Tanzanya

Okuyucu Gabriella Halcsik Halcsik itibaren Kalamazwite, Tanzanya

Son metin + Gabriella Halcsik Halcsik itibaren Kalamazwite, Tanzanya

gabriellahalcsik

Bu, ilk başta içine almak zor bir zaman geçirdim, ama sonra onu koyamadı !!! Sadece seni içine çekiyor!

gabriellahalcsik

Bu, şu ana kadar okuduğum en iyi siyaset kitabı. Bunu yazdığıma inanamıyorum, ancak tek yorumum Musa'nın Shea Stadyumu Projesi ve daha sonraki projelere daha fazla yazılması gerektiği yönünde olacak.

gabriellahalcsik

Gençler için güzel bir kitap. Neredeyse ilk 40 sayfadan sonra pes etti - yavaş başladı. Ama sonra nihayet yuvarlandığında, daha büyüleyici. Harika şekilde hassaslaştırıcı konu konuları: hayvanların korunması, sağırlar, yoksullar. Hem hayvan hem de insan yetenekleri hakkında daha fazla şey öğrenmemiz gereken çok şey var.

gabriellahalcsik

İyi yazma ve ben vahşi kamp ve binicilik yönlerini zevk, ama psişik kısmı biraz garip ve hızı tür dolaşıp, bir anda zipping ve sonraki sürükleyerek.

gabriellahalcsik

henüz okumadım

gabriellahalcsik

Hilarious, great read, plus you'll learn a lot of useless but interesting information.

gabriellahalcsik

I actually listened to this book as my husband and I removed wallpaper. We had a few chuckles.

gabriellahalcsik

Avvertimento: se non avete letto Hunger Games passate prima da qui: http://www.goodreads.com/book/show/95... "Cerca di ricordarti chi è il nemico" La ragazza di fuoco è il secondo libro della saga di Hunger Games; rispetto al primo libro, questo non racconta una storia in sé conclusa perché la fine ci rimanda in maniera diretta al terzo libro, Mockingjay, e bisogna proprio leggere anche quest’ultimo per avere un quadro d’insieme. Chi legge rimane con l’amaro in bocca perché il libro si interrompe proprio sul più bello, ma, al contrario di quanto si potrebbe pensare, La ragazza di fuoco è godibile quanto il primo, pieno di colpi di scena e, anche se molti di questi si intuiscono sin dai primi capitoli, la Collins riesce a tenere il lettore incollato alle pagine sino all’ultima parola (che non è la parola “fine” ma “quindi?”). Il magnetismo che si sprigiona dalle pagine è, almeno in larga parte, dovuto alle continue sorprese, alle mosse dei vari personaggi che ci sorprendono. Per tale ragione è difficile scrivere di questo libro: qualsiasi descrizione della trama rischia di rovinare la lettura facendo intuire come si evolverà la storia. Rispetto a Hunger Games, la Collins amplia lo scenario e ci fa conoscere direttamente gli altri undici distretti di Panem, mostrandoci che la sottomissione nei confronti di Capitol city non è così omogenea come sembrava. Ci sono alcuni distretti in cui la ribellione è palese e forse (ma è solo una sensazione, nulla viene mai mostrato al lettore) neanche a Capitol City tutti condividono la politica del presidente Snow. La storia, ridotta all’osso proprio per evitare spoiler, vede Katniss ritornare nell’arena insieme ad altri tributi (tutti vincitori delle precedenti edizioni) per celebrare la 75° edizione degli Hunger Games, l’edizione della memoria per celebrare in maniera ancora più grandiosa la vittoria di Capitol city su ribelli e rammentare a tutti la distruzione del tredicesimo distretto. La motivazione, letta direttamente dal presidente Snow (colui che comanda a Panem), è la seguente: Nel settantacinquesimo anniversario, affinché i ribelli ricordino che anche il più forte tra loro non può prevalere sulla potenza di Capitol city, i tributi maschio e femmina saranno scelti tra i vincitori ancora in vita. Quindi si ricomincia: Katniss (e tutti gli altri tributi) vedono venir meno il patto che ogni vincitore stringe con Capitol city: i vincitori non devono più tornare nell’arena, la loro vita può scorrere tranquilla e piena di ogni comfort. Il loro unico dovere è partecipare al circo mediatico che ogni anno viene messo in piedi in occasione degli Hunger Games. Ma si tratta di uno stratagemma del presidente Snow per eliminare Katniss che ha osato sfidare le regole degli Hunger Games (leggete il primo libro della saga e capirete), diventando un simbolo per tutti coloro che nei dodici distretti vogliono ribellarsi: la ragazza di fuoco, la ghiandaia imitatrice (mockingjay, il titolo del terzo libro). La questione è che Katniss non ha fatto nulla per accendere la scintilla della rivolta a Panem, lei non ci pensava proprio al mondo fuori dall’arena: tutto quello che ha fatto durante gli Hunger Games era dettato dall’obiettivo di sopravvivere. Ma questa non è una giustificazione né per i suoi amici, che la rimproverano per essersi assoggettata alle richieste mediatiche degli Hunger Games (ma aveva altra scelta?), né per i ribelli che, grazie a lei, hanno intravisto la possibilità di avere la meglio su Capitol city, né per il presidente Snow, che si trova a gestire il dissenso ormai esploso in alcuni distretti. Katniss si trova ancora (e non sarà l’ultima) nella scomoda posizione di dover rendere conto del proprio comportamento: è ormai un personaggio pubblico e le sue scelte hanno ripercussioni su molte altre persone. Insomma, una volta entrati nella spirale degli Hunger Games è impossibile uscirne perché bisogna recitare la propria parte per non urtare la suscettibilità del pubblico di Capitol city e, allo stesso tempo, non scontentare i politici che usano i vincitori come arma di manipolazione dell’opinione pubblica. Di certo non esiste la possibilità di scegliere se tornare nell’arena: rifiutarsi significherebbe mettere in pericolo non solo la propria vita ma quella di tutti i propri cari ed è su questo che il Presidente Snow e gli Strateghi fanno affidamento per ridurre al minimo qualsiasi protesta da parte dei vincitori. Rispetto al passato c’è però una sostanziale differenza: tutti i tributi si conoscono da molto tempo perché hanno avuto occasione di frequentarsi nelle edizioni degli Hunger Games successive a quella che hanno vinto. Alcuni sono amici, altri sono legati da vincoli profondi di affetto ma non esiste né amicizia né affetto nell’arena perché uno solo dei tributi ne uscirà vivo. Anche il pubblico di Capitol city è affezionato ai propri beniamini e non manda giù che dovrà perderli tutti, tranne uno. Si tratta di uno scontro all’ultimo sangue tra amici e conoscenti. Dopo un primo momento di sconcerto, mi sono resa conto che questa situazione non è estranea neanche alla nostra esperienza: sto pensando a quelle situazioni lavorative che impongono una competizione estrema, dove solo chi riesce a far fuori (metaforicamente) tutti gli altri potenziali concorrenti viene premiato. Situazioni in cui la competizione non viene giocata soltanto sul campo della competenza e la scorrettezza, il doppio gioco, l’ipocrisia sono considerate comportamenti vincenti. Come ci comportiamo quando siamo noi i tributi nell’arena? Abbiamo mai pensato che se ci alleassimo potremmo sconfiggere più facilmente i vari presidenti Snow? Ci siamo mai chiesti chi è il vero nemico? E a Panem come va a finire? Io non ve lo dico. Da me non avrete neanche il più piccolo indizio, perché se poi decidete di leggere il libro non me lo perdonereste mai! Anzi vi do un consiglio: se non avete ancora letto il primo libro della serie, non leggete la trama de “La ragazza di Fuoco” su Goodreads perché contiene spoiler su “Hunger Games” (come ho scoperto a mie spese!). L’unica cosa che posso assicurarvi è che Katniss arriva viva all’ultima pagina di questo secondo libro (ovvio, altrimenti non ci sarebbe stato un seguito!)

gabriellahalcsik

Wonderful...